Cookies

lunedì 3 maggio 2010

Ursus arctos horribilis 3D



L'orso grigio dell'America del nord o grizzly, nome che in inglese significa brizzolato, somiglia molto all'orso bruno per l'aspetto esteriore, ma risulta più tozzo e anche più pesante. Il colore della sua pelliccia è grigio con riflessi argentei al bruno-rossiccio piuttosto chiaro con riflessi dorati; i riflessi sono dovuti all'apice bianco o giallastro di ogni singolo pelo. La sua lunghezza si aggira intorno ai 2,50 metri, ma può raggiungere anche i 3 metri. Il suo peso invece si aggira fra i 400 e i 500 chilogrammi, ma può arrivare anche agli 800. Ha delle unghia che possono essere lunghe anche 15 centimetri. La gobba formata dal dorso all'altezza delle spalle permette di distinguerlo a prima vista dall'orso nero, che vive nelle stesse regioni. Abita sulle Montagne Rocciose, dall'Alasca sino al confine con la California, ma risulta diffuso soprattutto nel Canada e nell'Alasca. Come all'orso bruno, questo tipo di orso è soggetto al letargo invernale. Esso risulta molto goloso di miele. E' un eccellente nuotatore e un pescatore molto abile. Mangia frutta e radici . La forza di cui è dotato gli consente di aggredire vittoriosamente tutti gli animali che vivono sul suo territorio, anche i più grossi come i bisonti. Le femmine si accoppiano per la prima volta al quarto anno di vita. Il periodo degli amori ricorre verso la fine di giugno. La coppia rimane unita per circa 1 mese e poi si separa definitivamente. La gestazione ha una durata variabile da 180 a 250 giorni. In ottobre la femmina si scava una tana e vi si rinchiude. La neve non tarda a isolare la tana dove i piccoli, in numero di 2 o 3, nasceranno in gennaio.