Cookies

sabato 30 aprile 2016

Primati (Bertuccia e Gorilla) 3D

Non so quanto tempo è passato dalla mia prima ed ultima visita ad uno zoo, se non ricordo male visitai quello di Roma quando avevo circa 10 anni. Non è farina del mio sacco quello che andrete a vedere, sono due fantastici video di Andrey Anokhin che ringrazio. Fin da quanto ero bambino, ho sempre adorato i primati, spesso mi sono immedesimato in uno di loro arrampicandomi sugli alberi cercando di imitarli. 

Sotto ogni video inserisco una breve descrizione dell'animale. Buona visione!

BERTUCCIA


 

Classe: Mammalia
Superordine: Euarchontoglires
Ordine: Primates
Sottordine: Haplorrhini
Famiglia: Cercopithecidae
Genere: Macaca
Specie: M. sylvanus

CARATTERISTICHE GENERALI
La bertuccia vive in Algeria e in Marocco, ma è presente come unica scimmia europea sulla rocca di Gibilterra. Preferisce le zone rocciose delle montagne, senza trascurare gli alberi. Si nutre di insetti e vermi che trova alzando le pietre. Mangia scorpioni ai quali toglie abilmente il pungiglione velenoso. Fin dai tempi antichi la bertuccia viene considerata un artista capace di fare imitazioni. Manifeste le sue emozioni con smorfie diverse secondo se è gioiosa o collerica, mentre se ha paura, emette un grido acuto.

CARATTERISTICHE FISICHE
La Bertuccia è priva di coda, è lunga circa 60 cm e ha un tronco robusto e massiccio. Presenta una pelliccia folta, ma non lunga di colore grigio-marrone. Sulla testa è bruno scuro, sul dorso e sugli arti è bruno giallastro e sul ventri è gialla.
Dimensioni: circa 70cm, pesa tra i 10 e i 15 kg
Longevità: vive tra i 20 e i 30 anni.

GORILLA




 Vi sono due tipi di gorilla, distinti a seconda dell’area centro-africana in cui vivono : GORILLA OCCIDENTALE O DI PIANURA (Gorilla gorilla) E GORILLA ORIENTALE O DI MONTAGNA (Gorilla beringei)
Genere Gorilla
Specie (sono 2): gorilla beringei ; gorilla gorilla
Ordine primati
Famiglia Hominidae

VITA E CARATTERISTICHE
Altezza : 1,3- 1,9 m
Coda: assente
Peso: 68-210 kg
Unità sociale: gruppo
Status: in pericolo critico
Habitat: Africa centrale

Animale di spiccata intelligenza e indole sociale, il gorilla è il primato vivente più grande; quello di montagna può arrivare a 210 kg, mentre quello di pianura si ferma a 200. Il gorilla orientale o di montagna comprende a sua volta 2 sottospecie: beringei beringei e beringei graueri. Il gorilla orientale si distingue per il mantello scuro arruffato, le braccia estremamente lunghe e gli occhi color castagna, con la sottospecie beringei beringei che è abituata a quote maggiori e pertanto ha pelo più lungo per trattenere meglio il calore.
Il gorilla occidentale è più presente in zoo e parchi, ma entrambe le specie sono minacciate in natura a causa di bracconaggio e diradamento delle foreste.
Il maschio maturo/anziano pesa il doppio della femmina, ed ha una cresta sagittale ossea più grossa in cima al cranio, canini più lunghi e una sella di pelo bianco-argento sul dorso: per questo motivo viene chiamato Silverback (schiena d’argento). Nel gruppo è presente una forte gerarchia. Gli individui che tentano di scavalcare e prevaricare un soggetto di rango più alto, sono tenuti alla lotta con quest’ultimo.
Quando è minacciato da un rivale o un invasore, il maschio comincia ad urlare, poi si alza in posizione eretta, si percuote il torace con le mani a coppa, e lancia delle piante.
Ogni gruppo di gorilla di montagna occupa un’area familiare di 400-800 ettari che, ad eccezione di un nucleo centrale, può sovrapporsi a quella di gruppi vicini.

ALIMENTAZIONE

I Gorilla sono vegetariani, anche se quelli di montagna occasionalmente ingoiano formiche, e selezionano il proprio cibo (es. bambù) con attenzione, e poi preparano ogni boccone prima di mangiarlo. La loro dieta comprende foglie, germogli e steli di bambù, sedano selvatico, ortiche, cardi, frutti, radici, cortecce tenere e funghi.

RIPOSO E ALLEVAMENTO PICCOLI
Il gorilla orientale dorme in un nuovo giaciglio ogni sera. I maschi adulti normalmente riposano a terra, mentre le femmine dormono con eventuali neonati o sul terreno o alla biforcazione degli alberi. Una femmina in attesa può costruire diversi giacigli vicini tra loro, finchè non sceglie il più comodo per partorire. Il piccolo non viene mai lasciato solo e accompagna la madre aggrappandosi alla sua schiena.

INDOLE
Sebbene facilmente irascibili tra loro e potenzialmente pericolosi per l’uomo, i gorilla sono capaci di grandi premure e forti esternazioni di emotività; in cattività soffrono facilmente per la mancanza di stimoli, e in sede di ricerca hanno dimostrato di riuscire a comunicare con l’uomo, ad esempio apprendendo linguaggio dei gesti o ad utilizzare simboli e immagini da indicare per farsi capire.

Fonte: Animali nel Mondo